Finito il percorso scolastico, i ragazzi scrivono male e si esprimono peggio

i ragazzi scrivono male e si esprimono peggio

A lanciare l’allarme sono 600 Professori universitari, in una lettera indirizzata al Ministero dell’Istruzione e al Parlamento italiano.

“È chiaro ormai da molti anni che alla fine del percorso scolastico troppi ragazzi scrivono male in italiano, leggono poco e faticano a esprimersi oralmente. Da tempo i docenti universitari denunciano le carenze linguistiche dei loro studenti (grammatica, sintassi, lessico), con errori appena tollerabili in terza elementare. Nel tentativo di porvi rimedio, alcuni atenei hanno persino attivato corsi di recupero di lingua italiana».

Si punta alla specializzazione, trascurando le materie fondamentali

Uno dei firmatari dell’appello è Massimo Cacciari “Chiariamo: la colpa non è degli studenti, né degli insegnanti.  Prima c’era il nucleo forte di materie come italiano, latino, storia e filosofia al classico, lo scientifico cambiava di poco con l’aggiunta di matematica. Adesso si taglia il latino, si taglia la filosofia, pilastri per un apprendimento logico. Sembra che l’unica cosa indispensabile sia professionalizzare, ma non si vuole capire che alla base di ogni apprendimento ci sono le competenze linguistiche”.

Insomma, secondo questi docenti si punta alla specializzazione professionale, trascurando le materie fondamentali per l’apprendimento. In questo contesto l’uso eccessivo dei dispositivi digitali può risultare devastante, diventando un pericolo in più per la capacità di espressione di bambini e ragazzi.

Serve, dunque, intervenire fornendo ai nostri figli gli strumenti necessari per sviluppare le loro capacità di esprimersi e il senso critico, sin da piccoli.

Il progetto Creallenamente nasce proprio con questa idea: riportare i bambini ad apprendere giocando, non solo per promuovere la loro crescita culturale ma per stimolare in loro creatività, fantasia e capacità logiche attraverso il fare concreto.  Nei nostri volumi l’arte diventa un pretesto per imparare a fare, divertendosi in maniera sana e liberando la propria creatività. Uno sport della mente per insegnare a tuo figlio ad allenare la sua fantasia e la sua capacità critiche e di pensiero.

“I ragazzi scrivono male”: l’allarme dei docenti
“I ragazzi scrivono male”: l’allarme dei docenti ultima modifica: 2017-03-14T13:28:26+00:00 da Serena Trusso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *