Colorillo e la Roma di Caravaggio

colosseo complenno roma arte per bambini

Colorillo, il mago dei colori, ogni mattina distribuisce i colori nel mondo in base al suo umore e poi, quando il sole tramonta, torna a dormire. Vive nella foresta e non ama andare in giro, se non per occasioni speciali.

Oggi, 21 aprile, però è stato invitato ad una festa davvero imperdibile: è il compleanno di Roma e Colorillo è tra gli ospiti d’onore.
“Devo fare in fretta a colorare il mondo: Roma mi aspetta e devo portare tutti i miei colori più belli per il suo compleanno!”

Arrivato alla festa, Colorillo trova tanti amici: sulla sinistra Colosseo, ripulito per l’occasione, discute dell’impero romano con Pantheon, mentre Fontana di Trevi e la Barcaccia di Piazza di Spagna si scambiano dei consigli su come spendere le monetine lanciate dai turisti. Poco più in là Villa Borghese e Villa Torlonia parlano degli alberi in fiore e le osterie di Testaccio e Trastevere fanno a gara a chi cucina la carbonara migliore. In sottofondo una piccola orchestrina intona gli stornelli romani più famosi: Roma nun fa la stupida stasera, Tanto pe’ cantàLa società dei magnoccioni.  Sembra proprio la festa perfetta, con quel venticello romano, er ponentino, a rinfrancare animi e antiche promesse.

Colorillo saluta tutti, tra grandi sorrisi e strette di mano, mentre ogni invitato chiede un colore tutto per sé: “Colorillo, per favore, domani dammi più verde” – dice Villa Pamphili. “Colorillo, vorrei essere più azzurro e meno inquinato” implora il cielo di Roma. “Colorillo, ti prego, facci più bianchi” chiedono in coro il Vittoriano  e Trinità dei Monti di Piazza di Spagna.

Colorillo a spasso nella Roma di Caravaggio

Colorillo di qua, Colorillo di là. Tutti i monumenti e le bellezze della città fanno un gran baccano tanto che il nostro mago dei colori fa fatica a tenerli a bada. Solo la Chiesa di San Luigi dei Francesi rimane ferma in un angolo, con il volto triste.

Colorillo, preoccupato, si avvicina per sapere cosa è successo: ” Cosa ti è successo amica mia? Perché sei così silenziosa? Di solito mi chiedi sempre tanti colori! Ed io che avevo portato il rosso rubino solo per te!”.

“Mi hanno portato via uno dei miei quadri più belli: la Vocazione di San Matteo” risponde quasi in lacrime la Chiesa. “Come?! E chi è stato? Chi si è permesso di fare una cosa del genere?!” grida Colorillo, tutto rosso in viso. “E’ stato Caravaggio, il pittore che l’ha dipinto. Se l’è portato via. Ha detto che aveva dei debiti da pagare”

caravaggio roma arte per bambini

Dovete sapere, infatti, che Michelangelo Merisi, conosciuto da tutti come Caravaggio, era un tipo dal carattere molto particolare: arrogante e dalla rissa facile, Caravaggio si ficcava spesso nei guai. Amante del vino e delle belle donne, gli piaceva anche giocare a carte. A salvarlo da tante situazioni pericolose è sempre stato il suo enorme talento di pittore, capace di rendere i suoi personaggi così reali e intensi da guadagnare la stima dei più grandi signori di Roma e non solo.

Alla scoperta della Roma di Caravaggio

Caravaggio si era trasferito a Roma giovanissimo, poco più che ventenne, e aveva iniziato la sua carriera di pittore tra le botteghe di Campo Marzio, dove dipingeva ritratti per tirare a campare. Presto, però, il suo talento venne notato dalle famiglie più nobili e ricche della città, disposte a pagare oro pur di avere un suo quadro.

“Non preoccuparti, troverò Caravaggio e ti riporterò il quadro, te lo prometto” con queste parole Colorillo consola la Chiesa di San Luigi dei Francesi e lascia il compleanno di Roma.

“Chissà dove si è cacciato quel mascalzone” – pensava Colorillo tra sé e sé mentre vagava per la città. “Magari è andato a prendere qualche altro quadro da rivendere…” In breve, il nostro mago dei colori, si ritrova a fare un tour per la Roma di Caravaggio, potendo ammirare le opere più belle e coinvolgenti del pittore. Lo vediamo correre a Piazza del Popolo, nella Chiesa di Santa Maria, dove si trovano due autentici capolavori: la Conversione di San Paolo e la Crocifissione di San Pietrolo troviamo in Campo Marzio nella Basilica di Sant’Agostino, dove è possibile ammirare la Madonna dei Pellegrinilo vediamo cercare tra le numerose opere di Caravaggio nella Galleria Borghese e ai Musei Vaticani ma niente, il tempo passa e Caravaggio non si trova.

percorso roma caravaggio arte per bambini

Colorillo, deluso e sfiduciato, decide di tornare alla festa per il compleanno di Roma.
La Chiesa di San Luigi dei Francesi, vedendolo con la faccia triste, scoppia in lacrime, consapevole che il quadro è ormai andato perduto.

Le festa continua, tra balli e brindisi. E’ il momento della torta e della consegna dei regali. Il primo è di Colosseo: “Roma mia, per il tuo compleanno non potevo non regalarti lo scudo e la spada da gladiatore! In questo modo ti ricorderai dei tempi dell’impero romano”. Il secondo regalo è da parte di tutte le ville della città ” Cara Roma, abbiamo pensato di regalarti fiori ed alberi per omaggiare la tua bellezza e mantenere pulita l’aria”. Il terzo è il regalo di tutti i romani ” Roma nostra, promettiamo di rispettarti di più, di diminuire il traffico delle auto e di fare la raccolta differenziata dei rifiuti”.

Roma scarta tutti i regali commossa per tanto affetto e ringrazia tutti gli invitati. La festa sta quasi per finire e Colorillo e San Luigi dei Francesi sono sempre più tristi per non aver trovato la Vocazione di San Matteo. Rimane un ultimo regalo da scartare: è tutto avvolto in un drappo rosso, di velluto. E’ così grande che Roma fa fatica a sollevarlo. “Fai attenzione”- urla da dietro una tenda una voce. Con delicatezza la festeggiata apre il regalo: ” Ma è il quadro che stavamo cercando!- urla di gioia Roma. “Ma come è possibile?!” Caravaggio salta fuori dal suo nascondiglio e spiega tutto contento: ” Per il tuo compleanno volevo regalarti il mio quadro più bello, Roma mia, te lo meriti perché per me sei la città più bella del mondo”.

Scopri di più su Caravaggio  o scrivici per avere più informazioni sul volume dedicato

Compleanno di Roma: Colorillo alla ricerca di Caravaggio
Compleanno di Roma: Colorillo alla ricerca di Caravaggio ultima modifica: 2017-04-21T13:54:51+00:00 da Serena Trusso

13 pensieri su “Compleanno di Roma: Colorillo alla ricerca di Caravaggio

  • 26 aprile 2017 alle 15:10
    Permalink

    amo caravaggio! bellissimo post!

    Rispondi
  • 26 aprile 2017 alle 19:18
    Permalink

    Che bella storiella! Caravaggio tra l’altro è uno dei miei artisti preferiti 🙂

    Rispondi
  • 26 aprile 2017 alle 21:22
    Permalink

    Che bello scoprire tutte queste cose su Caravaggio!

    Rispondi
  • 27 aprile 2017 alle 0:30
    Permalink

    Caravaggio insuperabile, autore di opere di una bellezza rara!
    Davvero una storia molto carina 🙂

    Rispondi
  • 27 aprile 2017 alle 19:52
    Permalink

    Che meraviglia Roma è davvero magica, l’ospite d’onore Caravaggio poi è il tp

    Rispondi
  • 27 aprile 2017 alle 20:10
    Permalink

    Che meraviglia! Ho visto due opere di Caravaggio dal vivo e mi hanno lasciata senza parole. Voglio fare questo tour!

    Rispondi
  • 3 maggio 2017 alle 12:58
    Permalink

    Bellissimo articolo, originale. Complimenti!

    Rispondi
  • 6 maggio 2017 alle 10:58
    Permalink

    Questo post è favolosamente originale… Davvero complimenti!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *