Creatività e capacità manuali: due elementi da non sottovalutare nella crescita dei bambini.

Ne abbiamo parlato con il Prof. Nicola D’Andrea, Pediatra di Trieste e Collaboratore per la rivista UPPA (Un Pediatra per Amico) 

Stimolare la creatività e la manualità dei bambini con l'arte - Creallenamente

“Prof. D’Andrea, oggi i bambini  già nel primo anno di vita intuiscono come scorrere le pagine sul tablet o sul telefono ma allo stesso tempo faticano a compiere gesti e movimenti in maniera coordinata. Come possiamo invertire la tendenza e tornare alle attività manuali?

Prof. Nicola D’Andrea: ” Stiamo andando verso generazioni sempre più digitali ed è un processo anche naturale. A questo proposito mi viene in mente una ricerca fatta qualche anno fa da una rivista del Ticino in cui si metteva a confronto il livello di creatività tra i bambini svizzeri e quelli italiani. Noi italiani siamo sempre stati un popolo di creativi e questo aspetto ci viene riconosciuto anche all’estero. Eppure il risultato della ricerca ha dato un esito sorprendete: i bambini svizzeri risultavano più creativi di quelli italiani. Merito soprattutto delle attività fatte nelle scuole: mentre in Italia si segue più un percorso scolastico classico, incentrato sulla teoria, in Svizzera i bambini sono abituati anche a seguire delle attività pratiche, dai laboratori di pittura al giardinaggio. Questo influisce e non poco nello sviluppo delle capacità non solo pratiche ma anche creative. La creatività va coltivata e alimentata.”

” A questo punto la domanda è scontata…Come?”

Prof. Nicola D’Andrea:”Fornendo gli strumenti migliori per sviluppare la fantasia, la creatività e avvicinando i bambini al fare pratico. Oggi sono sempre più diffuse le scuole di stampo montessoriano, dove le attività pratiche spesso sostituiscono o comunque vengono integrate alla didattica, ma ci sono anche altri modi. Per esempio portando i bambini alle mostre. Ovviamente è necessario introdurre il bambino a queste attività, magari proprio attraverso dei libri.

La settimana scorsa sono andato ad una mostra su Piero della Francesca. C’erano tanti bambini ma purtroppo non c’erano le audio-guide dedicate ai più piccoli e i bambini erano costretti ad ascoltare quelle per i grandi. A vedere le loro facce non sembrano molto contenti, eppure basterebbe così poco…”

Stimolare la creatività nei bambini- Creallenamente

“Nella sua attività professionale, Le è mai capitato di incontrare bambini con problemi relazionali o di apprendimento che hanno risolto attraverso l’arte e le sue attività?”

Prof. Nicola D’Andrea:“Come no! Per anni ho collaborato con “La Nostra Famiglia“, un’associazione di Conegliano Veneto in cui vengono ospitati bambini con problemi dell’attenzione e disturbi di vario genere. Devo dire che le attività pratiche in generale e le arti figurative e la musica in particolare ci hanno aiutato. Il colore e la musica sono degli strumenti potentissimi e veicolano un messaggio di bellezza che spesso aiuta i bambini  ad esprimersi al meglio. ”

“Ha parlato del concetto del bello come strumento non accessorio…”

Prof. Nicola D’Andrea: ” Si, ed è un concetto in cui credo molto. Sviluppare il concetto di “bellezza” sin da piccoli ci permette di avere cura di ciò che avremo da grandi. La bellezza non è,appunto, un accessorio, un di più, ma qualcosa che ci rimane dentro e ci aiuta a sviluppare sensibilità e senso critico. Questo vale per i grandi, ma è dai bambini che dobbiamo partire e l’arte non può che essere lo strumento migliore per veicolare questo messaggio

“Torniamo all’arte, appunto. Purtroppo ancora oggi viene considerato un tema di nicchia, poco adatto ai bambini e ostico anche per molti adulti. Come possiamo rendere l’arte accessibile e alla portata di tutti? 

Prof. Nicola D’Andrea: ” Molto dipende dalla scuola. Oggi le poche risorse che ci sono vengono dedicate più alle materie scientifiche, trascurando quelle più “creative”. Eppure, soprattutto con i più piccoli, con i bambini delle scuole primarie e secondarie, sarebbe meglio invertire il processo: le formule  si imparano anche da grandi, la manualità, la creatività e il senso critico sono, invece, delle capacità che andrebbero sviluppate sin dalla più tenera età per non mandarle in letargo. Risvegliarle da grandi può diventare difficile e faticoso. Fornire ai nostri figli gli strumenti ideali per sviluppare queste capacità sono il regalo e l’investimento più importante che possiamo fare per il loro futuro.

Il progetto Creallenamente nasce proprio per fornire alle famiglie italiane gli strumenti ideali per sviluppare queste capacità. Abbiamo scelto l’arte perché il colore e le storie degli artisti li riteniamo gli strumenti migliori per aiutarli a crescere sviluppando creatività e fare concreto.

Il Pediatra Nicola D’Andrea: “Stimolare la creatività e la manualità nei bambini è fondamentale”
Il Pediatra Nicola D’Andrea: “Stimolare la creatività e la manualità nei bambini è fondamentale” ultima modifica: 2017-07-12T11:12:13+00:00 da Serena Trusso

12 pensieri su “Il Pediatra Nicola D’Andrea: “Stimolare la creatività e la manualità nei bambini è fondamentale”

  • 13 luglio 2017 alle 10:19
    Permalink

    Penso che stimolare la creatività dei più piccoli sia davvero importante per aprire la loro mente, soprattutto in un mondo così digitalizzato!

    Rispondi
  • 13 luglio 2017 alle 12:23
    Permalink

    Sono estremamente d’accordo con il Prof!! 🙂

    Rispondi
  • 13 luglio 2017 alle 12:57
    Permalink

    è vero…. i bambini vanno sempre stimolati e mai ostacolati nella loro creatività

    Rispondi
  • 13 luglio 2017 alle 20:57
    Permalink

    sono a favore di questi bei progetti per stimolare la mente del bambino.

    Rispondi
  • 13 luglio 2017 alle 21:57
    Permalink

    molto interessante, sapevo che la creatività e la manualità sono importanti ma non ho mai approfondito

    Rispondi
  • 13 luglio 2017 alle 21:59
    Permalink

    È importantissimo stimolare la creatività dei bambini !

    Rispondi
  • 16 luglio 2017 alle 0:49
    Permalink

    Lo sviluppo di attività pratiche e creative è indispensabile per la crescita dei bambini, più dell’utilizzo di qualsiasi supporto digitale. Io sono un’amante dell’arte e credo fortemente nel suo potere creativo, soprattutto in mano ai più piccini!

    Rispondi
  • 17 luglio 2017 alle 10:50
    Permalink

    Sono d’accordo con te, anche io quando facevo l’insegnante cercavo di approcciarmi ai bambini in maniera creativa!

    Rispondi
  • 17 luglio 2017 alle 11:14
    Permalink

    Io ho lavorato per anni come maestra nelle scuole materne e come tata privata, stimolare la creatività è una cosa davvero importante. Al giorno d’oggi con l’era digitale e le scuole multilingue son già anni luce avanti, ma non dobbiamo dimenticare mai l’arte e le attività pratiche e manuali, tutto contribuisce alla loro crescita e personalità.

    Rispondi
  • 17 luglio 2017 alle 12:15
    Permalink

    Molto interessante questo articolo! L’arte è davvero uno dei mezzi migliori per far sviluppare ai bambini creatività ma anche capacità manuali; purtroppo nelle nostre scuole è stata sempre sottovalutata e insegnata male

    Rispondi
  • 17 luglio 2017 alle 18:04
    Permalink

    Interessante questo articolo! Da bambina ho sempre pasticciato, anche se i risultati non sono eccelsi stimola tantissimo la mente

    Rispondi
  • 5 settembre 2017 alle 10:25
    Permalink

    Condivido pienamente, occorre sempre di piu’¹ creare laboratori di creatività e manualitÃà per bambini. Sviluppare queste capacità nei bambini sono per davvero un bel “regalo”.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *