“È attraverso il potere delle immagini che, nei secoli che verranno, si potrebbero compiere le vere rivoluzioni”

A dirlo fu Andrè Breton, esponente di spicco del Surrealismo e amico di Max Ernst.

La potenza delle immagini, oggi, è ormai affermata: se ne discute nelle aule universitarie, se ne parla nei saggi e nelle trasmissioni televisive. L’immagine oggi è il principale mezzo di comunicazione: televisioni, social come Instagram e Facebook , video su Youtube, rappresentano il trionfo dell’immagine. Un trionfo che i Surrealisti avevano anticipato all’inizio del Novecento, facendo dell’immagine astratta il centro del loro movimento.

Il Surrealismo di Max Ernst

Per MAX ERNST la pittura deve essere invenzione, scoperta, rivelazione. Oltre ad essere un instancabile sperimentatore era anche dotato di un grande senso dell’ironia. Lo dimostrano i suoi numerosi collage: irriverenti provocazioni dei luoghi comuni e delle usanze popolari. Nella pittura di Ernst ritroviamo il gioco e la fantasia, la creatività e l’ironia, con disegni ed opere che sembrano nati dalle mani di un bambino. Un modo di dipingere che ha caratterizzato l’intero movimento e il lavoro di altri surrealisti come André Breton, Dalí, Magritte , tutti convinti che l’arte non dovesse rappresentare il mondo e le cose ma cercare di capire la mente degli uomini e rivelare i loro sogni.

Con Ernst e i suoi amici, tuo figlio imparerà a dare colore e forma ai suoi sogni e alla sua fantasia, giocando con i colori e immergendosi nel mondo fantastico della sua creatività. La storia dell’artista ed i laboratori lo guideranno in un percorso divertente e pieno di forme surreali, stimolando le sue capacità di esprimersi attraverso il disegno ed il colore.

Scopri tutti i volumi della collana Creallenamente e contattaci per saperne di più