Vincent Van Gogh rappresenta il prototipo dell’artista incompreso. Finché è stato in vita le sue opere non erano per nulla apprezzate e nessuno voleva acquistarle. Oggi uno dei suoi quadri più famosi, il Vaso di Girasoli, è tra le opere più costose al mondo. Certo Van Gogh era ‘molto avanti’ per la sua epoca, ma era anche un tipo molto strano e proprio il suo carattere scontroso e i suoi tratti di follia non lo aiutarono nella sua carriera.

Van Gogh e la Coca Cola

“Vi faccio assaggiare una bevanda straordinaria, si chiama Coca Cola. In America ne vanno pazzi!”.

“E’ senz’altro una maledizione – pensò Van Gogh – un veleno mandato dal nuovo mondo per corrompere e distruggere la nostra anima!”

“Anche le stampe giapponesi vengono da un altro mondo, eppure sembrano interessarle parecchio…”

“Ma quella è arte! E’ arte!” esclamò quasi con rabbia Van Gogh – ” e l’arte non ha bisogno di intrugli maledetti, perché fare arte è come avere un fuoco nell’anima, anche se nessuno viene mai a scaldarvisi, e i passanti non scorgono che un po’ di fumo, in alto, fuori dal camino e poi se ne vanno per la loro strada…”

E’ con il colore che Van Gogh esprime le sue paure e le sue angosce. Un colore accesso, luminoso, vivido. Il giallo e l’azzurro erano i suoi preferiti e li spalmava direttamente sulla tela, senza passare dalla tavolozza. Gli oggetti comuni, così, prendono vita e diventano l’espressione della sua anima. Questo sono per Van Gogh la sedia, il tavolo, il vaso di girasoli.


E tu hai mai pensato di dare vita agli oggetti di casa? Bastano un po’ di colore e tanta fantasia, proprio come faceva Van Gogh. Scopri come fare con il nostro laboratorio dedicato a Van Gogh e al suo mondo

Scopri tutti i volumi della collana Creallenamente e contattaci per saperne di più